Hall, il bisogno di camminare

hallUn cane bastonato ecco quello che sono qui davanti alla Hall.
Qui perchè ci sono arrivato quasi automaticamente: la strada che in due anni ho fatto centinaia di volte. Quella che potrei fare ad occhi chiusi.
Ti ho già vista, fra la gente che affolla la grande sala e tu invece stai guardando da un’altra parte.
E sono qui immobile a godermi la scena da lontano per paura di perderla per sempre.
Perchè lo sento che basta niente, una parola un gesto una virgola e chiudiamo.
Allo stesso modo per un niente ricominceremmo Giulia, per un qualcosa leggero come un fiato.
Il bisogno di camminare verso di te mi arriva addosso senza avvisarmi, senza pietà, senza che io possa fare altro che attraversare lo spazio che ci divide. E tutto l’inutile che ronza qui intorno per magia sta svanendo: tutti fuori di lato, neanche un contorno. Ti volti, mi guardi, fai un sorriso lieve come un uccellino
– Enzo, ciao, pensavo di vederti. Come stai?- Hai pronunciato il mio nome con quel tuo timbro di voce speciale con cui dici le vocali, tonde e burrose come le tue tette e mi fai morire. Non ho programmato niente e mi esce quello che c’è
– Sono venuto a respirare un po’ della tua aria, Giulia.-

hall2

E scappo via, mi giro e scappo via perchè sto piangendo porca miseria. Non voglio che tu mi veda piangere che non so nemmeno io come sta accadendo, tutto questo annegare senza che io possa dargli un nome che mi prende e mi sconvolge. Non voglio farti tenerezza non sono sconfitto io, non verrai da me per pietà , non per quello e nemmeno perchè per ora non hai niente di meglio da fare.
Se mi vedi piangere si falsa tutto: questa storia non riprenderà da un uomo sfatto e disperato e la macchina è ormai a 2 metri.
Mi prendi per il braccio e resto bloccato ma girato. Allora giri tu davanti a me e mi carezzi il volto e sei esattamente il pozzo dove annego, la pazzia che mi ha preso. Maledizione! – Aiutami Enzo, io non so ma mi manca tutto e tutto mi sta storto. Non sto bene, non sto bene-
Ho chiuso gli occhi per non vederti andare via e adesso ho scritto neanche la metà di quello che è successo fra te e lo sportello del coupè. Anche se fossi uno scrittore perfetto non ci sarei riuscito Giulia. Partirò senza di te, questo l’ho capito.

Annunci

5 thoughts on “Hall, il bisogno di camminare

  1. Le donne bellissime non sono quasi mai sensuali. La sensualità viene da qualcosa che hai dentro, è un fuoco che infiamma e allo stesso tempo fa venire i brividi, che trasmetti dagli occhi, dalla pelle, dalla voce, da come ti muovi… cammini… respiri… dai gesti. Ecco che cosa significa “muovere l’aria intorno a se”. Almeno questa è la mia interpretazione.

  2. Scusami, non riuscivo più a trovare Giulia, pensavo avessi deciso di non scrivere più di lei. E mi sarebbe dispiaciuto, ti avrei chiesto dov’era finita ma oggi l’ho ritrovata.
    Mi piace sempre di più questa storia, promette sviluppi appassionanti. Mi piacciono anche le immagini. Supponiamo che se ne facesse un film, ci vedrei un attrice sul tipo di Fanny Armani, hai presente il film “la donna della porta accanto”, quella con quei magnifici occhi neri così intensi da lasciare sconvolti? Potrebbe andare anche la Bellucci come tipo ma in quanto alla recitazione… lasciamo perdere. Perché non sia bionda!

    1. Vedi? quei due sono ancora in giro, lo saranno per un buon numero di mesi credo.
      Giulia aveva una sensualità pazzesca, non lo dico come il solito maschio porcellino che pensa solo ad una cosa. E’ difficile da dire io l’ho scritto dentro i vari post ma Giulia smuoveva lo spazio attorno a sè, non solo il mio eppure non era bellissima…somigliava a quel tempo alla Sofia Ricci di oggi, non era bellissima era Giulia, una donna vera quella che ogni uomo dovrebbe incontrare almeno una volta e poi farci i conti per buona parte del resto. Lei riderebbe di quel che dico, poi se ne andrebbe lasciandomi eccitato anche solo camminando o sedendosi. Non era bionda.

Commenti riaperti con moderazione.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...