Divano ore due

 – Andiamo a prenderci qualcosa?- Mi guardi pacata, quasi con compatimento 

– No Piero, saliamo a casa tua, adesso.

Mi piace quando fai così, quando prendi a schiaffi il pudore e le apparenze e sei tu, profondamente e autonomamente tu. Mi piaci in ogni modo e lo hai capito subito… non è che te ne approfitti Eh? Saliamo su da me, apriamo la porta, carezzina al gatto e stillicidio di emozioni e desideri. 

Poggiare gli indumenti, 
sfiorare il tuo soprabito, 
togliersi il maglione 
e poi la cosa più difficile: giocare con l’imbarazzo dell’attesa mentre fuori fa definitivamente sera.
Facciamo l’amore e dentro l’amore troviamo una quantità enorme di sesso. 

Ti tocco, mi tocchi, ti prendo mi sfuggi, ritorni mi fermo. Ti guardo mi guardi, entro e esco, il divano si è aperto verso il cielo noi ci anneghiamo dentro. 

Facciamo l’amore Giulia e sospendiamo noi stessi col tempo annesso: non ci serve vedi? Sembra così inutile e accessorio. Siamo perfettamente soli col nostro piacere sinuoso assoluto e casa mia risuona di musica animale. 
Dopo mentre ti tengo sfinito per mano il pensiero del nostro primo incontro mi folgora la mente: eri bellissima, simpatica e sensuale quella sera spargevi odore di sesso tutt’attorno; ti sedevi ed eri da capogiro , giravi la testa e facevi eccitare, accavallavi le gambe e ne avevi 4 o 5 davanti che dicevano le solite cazzate che dicono gli uomini in queste circostanze, le solite inascoltabili e ridicole cazzate. 
IO NO, sono uno stratega io: analizzata in meno di 40 secondi la situazione ho stabilito che non dovevo cercarti palesemente. 
Prima cosa attenzione ma non ossessione. 
Seconda cosa sei la più bella di tutte ed io però ho un’ altro pensiero in testa. 
Terza cosa devi convincermi con la testa che hai, il resto si vede e non mi basta. 
Fantastico eh, peccato che ci sia riuscito solo quella volta Giulia. Lo stronzo di cui sopra ti volteggiava attorno assieme ad altri come un caccia che cerca la traiettoria giusta, lui sì che era uno spettacolo da teatro. 
Battute, risatine, e ti porto da bere e ti parlo da vicino così da sfiorarti, e muovo le mani con eleganza affettata….sei mia donna diceva, è fatta sei fatta. Gioco chiuso. 

GIOCO APERTO! Quella sera sei tornata a casa con me, gioco aperto e, incredibilmente, mi sono comportato con gradevole simpatia, nemmeno una parola fuori posto o un gesto di troppo; quando, un attimo prima di entrare nel portone, mi hai baciato sulla guancia e mi hai sorriso ero ormai finito. 

 Stasera è la stessa cosa ma non devo guardarti in viso:

– Non durerà! –

è la frase scritta dentro i tuoi occhi
un attimo dopo il rush finale.
Non è vero, non importa, ci siamo ci siamo stati, quell’amore è nostro, solo nostro Giulia, l’universo stanotte ci ha già portato via.

Annunci

Commenti riaperti con moderazione.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...