Non si vince mai – Agosto del 2010

Lo sentite questo silenzio? Uhm…è bellissimo. Alle 20 e 50 di settembre in Sicilia, davanti al golfo di Catania io mi godo fino all’ultima goccia questo silenzio prezioso. Mi piace sentire ronzare la testa, il vino bianco da 13 gradi mi ha dato la mazzata giusta e adesso sileeenzioooooooooooooooooo 
Sennò non capisco più niente. Devo fermarmi e rigirarmi i vostri commenti e i vostri blog fra le dita: chissà se voi, soprattutto voi del nord lo fate mai. Chissà che minchia avete letto di questa parte d’Italia, cosa avete annusato o mangiato. Che idea avete di me, di quelli come me e del silenzio. Qualcuno mi ha detto che sono iperproduttivo, può darsi. Possono anche essere gli ultimi tiramenti di un blog che agonizza però.
Silenzio…c’è un pò di vento che sta passando fra le palme scampate al punteruolo rosso.

Forse ha ragione la Lega non si può comunicare con i terroni, porcaccia di una miseria. Incomunicabilità degna della Salerno- Reggio. Ma non posso non dire la mia verità, al punto in cui sono non servirebbe, e non mi salverebbe…nemmeno da questi fine settimana inutili.
Io guardo il cielo sopra di me e voglio aspettare che questa sera smaltata e sensuale si spenga e mi lasci il tempo di capire e giudicare. La mia vita dorme nell’altra stanza, qui si sente solo il ronzio del ventilatore di raffreddamento del Pc.

 Silenzio, che meraviglia, così sembra tutto lontano. 

Anche la rabbia politica e quella esistenziale. E’ il senso della vita che mi sfugge o forse non la so raccontare.? Domani mi impegnerò, domani quando questo silenzio imbarazzante sarà terminato.

Domani diamo la mazzata definitiva a questo blog perchè io ho questo problema, io ricordo tutto. Tutto.

Anche la tua espressione Giulia quando ci siamo salutati quel giorno.
Tutto scivola via dicono. Anche tu lo farai.
Uno si aspetta di essere salvato da una passione sincera, dall’onestà con cui l’ha vissuta, dal sogno ininterotto di averla accanto… Minchiate!!!! Sono i desideri che salvano, la spinta a passare oltre, la crudeltà del non ricordare; ma vedi bbedda questa è una storia d’amore, ne ha tutte le caratteristiche e, come tale, vive in quella perenne sospensione di futuro e di giudizio che le è propria.
Ho pensato molte volte in questi anni a possibili varianti, alle decine di “sliding doors” che potevano aprirsi se… Infine sai cosa resta Giulia? Restiamo noi. L’infinita bellezza che si insinua almeno una volta dentro la vita di ognuno di noi: hai ragione io non potevo salvarti, è stata la bellezza a salvare noi! Tu non sei scivolata via.
Quando ti ho abbracciato per l’ultima volta ero pronto a scriverti sulla bocca che non ci saremmo lasciati mai… sciocchezze vedi, ci siamo lasciati! 
Ricordarsi è un altro affare,  è un contratto con l’infinito sai. 
Chiediamoci cosa saremmo diventati. Guarda, ho imparato a coniugare i verbi Giulia.
Io che perdevo la pazienza e uccidevo il mio carattere per ritrovarla.
Tu che entravi come una malattia inguaribile nel mio cuore. Giulia posso dirtelo?  Sento ancora in fondo la tua musica…

Tra di noi poteva finire con una delle solite constatazioni amichevoli di incidente di percorso… ti ho amato,
è stato molto bello,
risentiamoci,
rivediamoci,
ricuciniamoci
riscopiamoci! Invece abbiamo davanti un luminoso futuro di ricordi. 

Stai ricominciando Enzo! Vergognati!

Giulia, lo so con sicurezza assoluta, la mia solitudine adesso è perfetta, tutte le altre vite non bastano per dimenticarci…nemmeno io sono scivolato via.

Tre secondi fa ho pensato a Giulia e a quanto l’ho amata: non la cercherò, non la cerco più da anni, ma pensarla mi ha sistemato il cervello: adesso le carte si sono tutte rimescolate tranne la sua. Perchè lei bara e vince sempre. E adesso silenzio, questa storia è finita.
Inchino.
Annunci

One thought on “Non si vince mai – Agosto del 2010

  1. Lo senti in lontananza? È un applauso… inizia piano, quasi indeciso, come se si aspettasse da un momento all’altro di veder comparire anche Giulia lì, sul palcoscenico dei tuoi ricordi, con l’Etna sullo sfondo. Giulia che viene a prendersi la sua parte di applausi. E invece lei non c’è. Ed è quasi con sollievo che l’applauso cresce, si gonfia ed esplode per te e per Giulia che ti ha consegnato un amore perfetto che non conoscerà mai il tarlo della noia e dell’abitudine.

Commenti riaperti con moderazione.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...